Viale Machiavelli. Calzolari (PD) “L’amministrazione Falchi inadeguata a risolvere i problemi semplici”

SESTO FIORENTINO – “È incredibile dover constatare per l’ennesima volta come l’Amministrazione Falchi si dimostri superficiale e inadeguata nel risolvere anche i problemi apparentemente più semplici della nostra città”, è quanto sostiene Marco Calzolari, Consigliere del PD riferendosi al progetto di riorganizzazione di viale Machiavelli presentato in una assemblea pubblica dagli assessori Silvia Bicchi e Massimiliano Kalmeta.

“L’attuale situazione di viale Machiavelli – prosegue Calzolari – a tratti totalmente inagibile, rende necessario un intervento di riorganizzazione del viale stesso, ma le modalità scelte dall’Amministrazione lasciano davvero a bocca aperta: nessuna valutazione sullo stato di salute attuale degli alberi, ma sopratutto nessuna analisi sulle differenze in termini di capacità di assorbimento di sostanze inquinanti tra i pini che verranno abbattuti e i cipressi che verranno piantati. Non si è nemmeno pensato di analizzare le linee guida della Regione Toscana rivolte proprio ai Comuni per la scelta di alberi che rendano i centri abitati più vivibili”.

“Inoltre, rimanendo in tema di alberi – continua Calzolari – c’è evidenziare come rispetto alla questione dell’abbattimento dei tigli in viale XX settembre l’Amministrazione in questo caso abbia percorso una strada diversa, dando nei fatti ragione allo osservazioni fatte allora dalle opposizioni. In questo caso è stato infatti organizzato un incontro informativo con un po’ di anticipo e non a 4 giorni dall’inizio dei lavori. Anche in questo caso però purtroppo non c’è stato modo di avere una Commissione consiliare in cui poter discutere e approfondire la questione, ma a quanto pare dobbiamo imparare ad accontentarci di poco. Resta tuttavia da capire quale sia stata la vera utilità dell’appuntamento di lunedì, dal momento che a mia domanda precisa per sapere se le tante osservazioni fatte dai cittadini sarebbero state prese in considerazione e magari avrebbero potuto modificare parti del progetto illustrato, l’assessore Kalmeta mi ha detto di no, mentre l’assessore Bicchi che forse sarebbero state illustrate ai tecnici. Insomma la confusione sembra farla davvero da padrona quando si parla di tagli di alberi a Sesto Fiorentino”.