Misericordia di Campi: condivisione e volontariato alla base di una festa di successo

CAMPI BISENZIO – Per rendersi conto che l’edizione 2019 della festa della Misericordia di Campi è stata un autentico successo, è bastato andare una sera a cena a Villa Il Palagio. Una festa “plastic free”, con piatti e bicchieri, tutti compostabili, usati per lo stand gastronomico e sui tavoli per dare voce, anche da parte dell’associazione di volontariato campigiana, alla “richiesta” di un maggiore rispetto dell’ambiente che ci circonda. Una festa che, giorno dopo giorno, ha visto un numero di presenze costantemente in crescita, grazie a un servizio altrettanto di qualità per merito della buona cucina, con tante specialità campigiane, e delle tante iniziative proposte. Con alcuni momenti assolutamente “da incorniciare”: la festa della rificolona, con il carro che apriva la sfilata voluto e pensato ricordando quanto successo alla cattedrale di Notre Dame a Parigi (qui sotto nella foto); i “Rescue games”, ovvero un gioco/sfida a tempo sulle operazioni di soccorso, che ha visto coinvolte varie Misericordie della zona impegnate a realizzare veri e propri scenari di intervento; e, infine, la mostra delle opere di Clara Woods all’interno di Villa Il Palagio. Ma anche la musica, i giochi per i più piccoli, la costruzione delle rificolone e tanto altro ancora. Con un solo appuntamento che si è svolto… a metà. Si tratta dello “Svuota la cantina” in programma l’ultimo giorno della festa, domenica 8, accanto a Villa Il Palagio. Con la decisione, a causa del maltempo che per qualche ora si è abbattuto su Campi, di spostare l’iniziativa al prossimo 20 ottobre. Un’altra occasione, quindi, per stare insieme e condividere gli ideali di associazionismo, volontariato e coesione che da sempre caratterizzano la Misericordia di Campi. Ideali sottolineati più volte dal Provveditore Cristiano Biancalani, che non ha nascosto la propria soddisfazione “per le numerose presenze, non solo da parte della comunità campigiana ma anche dai dintorni. Ma soprattutto per il grande spirito di servizio e collaborazione che si è instaurato fra tutti i confratelli che per una settimana intera si sono adoperati, sempre con grande impegno, per la buona riuscita della festa. Ma un ringraziamento va anche ai volontari del circolo della parrocchia di San Lorenzo che hanno gestito a pizzeria. Appuntamento all’anno prossimo”.