Insulta e picchia la moglie: i Carabinieri arrestano un pensionato

SIGNA – Spesso le mura domestiche ci raccontano storie che, una volta conosciute, non immaginavamo neanche lontanamente. Storie di violenza, spesso e purtroppo quotidiana, altre volte frutto di un momento di follia ma mai giustificabili. Questa notte i Carabinieri della Compagnia di Signa hanno arrestato G.P., classe ’56, cittadino italiano, pensionato, già sottoposto alla misura del divieto di ritorno nella casa dove abitano i suoi familiari, per il reato di maltrattamenti in famiglia. L’uomo, infatti, in seguito a una lite avuta con la moglie, di due anni più giovane di lui, per futili motivi, l’ha strattonata, insultata e minacciata. La donna, stanca delle ripetute vessazioni da parte del marito e spaventata dal fatto che l’uomo si fosse presentato in stato di ebbrezza, è uscita di casa chiudendo la porta dietro di sé. I vicini, allertati dal rumore, hanno chiesto l’intervento dei Carabinieri che hanno fermato l’uomo in flagranza di reato arrestandolo. La moglie non ha fatto ricorso alle cure dei sanitari mentre per il marito si sono aperte le porte del carcere di Sollicciano.