Economia civile e buone pratiche, parte da Campi un percorso “Fuori dal Comune”

CAMPI BISENZIO – Lunedì 18 marzo parte da Campi “Fuori dal Comune”, un percorso di discussione e scambio di buone pratiche di innovazione tra i tanti Comuni impegnati sul tema dell’economia civile. Un percorso che proseguirà fino al prossimo “Festival dell’economia civile” e che prevede sette incontri in sette diversi Comuni, fra cui Taranto e Prato. “E’ una delle tappe di costruzione della rete dei distretti dell’economia civile, – ha detto l’assessore Giorgia Salvatori – di cui Campi è il primo in Italia. Siamo contenti di dare continuità al nostro lavoro e di portare la nostra esperienza in giro per la Toscana e l’Italia, segno che quanto facciamo fa innovazione ed è da esempio”. Dall’edizione 2018 del “Festival dell’economia civile”, infatti, è stato prodotto un documento di sintesi allegato a una delibera della giunta, che raccoglie tutte le proposte dei tavoli di lavoro e degli incontri fatti. Economia circolare, rigenerazione socio urbana, gestione dei beni comuni, responsabilità sociale d’impresa, welfare di prossimità, accoglienza, integrazione, orti urbani, residenze d’artista, sono le cornici di riferimento entro cui si svilupperanno le azioni da realizzare sul territorio campigiano. In questa ottica l’amministrazione comunale propone alcune giornate formative e attive, che faranno tappa alla “Biennale della prossimità” (http://prossimita.net/) che si terrà a Taranto dal 16 al 19 maggio e che poi proseguiranno fino alla fine dell’anno. Il primo incontro di “Fuori dal comune” si terrà invece lunedì 18 marzo alle 17.30 presso il Porto delle Storie, in via Giusti.