Primavera, tempo di matrimoni e comunioni. Ecco gli errori da non fare

Maggio e giugno è da sempre il tempo per eccellenza per cerimonie: matrimoni, comunioni e battesimi chi più ne ha più ne metta. Arriva l’invito e una delle prime domande è: cosa ci mettiamo? Ecco qualche suggerimento di Vanessa Baldini, creatrice e anima di Blondie Boutique a Lastra a Signa.

Partiamo dal matrimonio: è sempre opportuno fare un punto con la sposa e le amiche per capire i desideri e i gusti della protagonista della giornata. Se la sposa non se la sente di svelare tutti i dettagli del suo abito, può dare delle indicazioni. Se il suo abito è molto lineare oppure ricco ci comporteremo di conseguenza. Quanto ai colori, se la sposa è in bianco, sarà assolutamente vietato per tutte le invitate. Consiglio colori pastello, microfantasie ma non psichedeliche e mai nero e viola, che sono colori non adatti a un’occasione di questo tipo. Se si è testimoni, occhio alla mamma della sposa e all’altra testimone per concordare i colori, in modo che non siano troppo dissonanti.

Si tratta di un rito, che sia religioso o civile, per cui se l’appuntamento è nel pomeriggio, consiglio di scegliere sempre un abito lungo, se è mattina va bene un abito da cocktail ma non troppo corto, sempre bon ton. I tessuti scelti dovrebbero comunque rispecchiare l’importanza dell’occasione, seta o viscosa, questa regola vale per tutti gli ospiti. Assolutamente vietati stivali e anfibi, anche in inverno. In questa stagione consiglio un sandalo gioiello o semplice, in armonia con l’abito scelto.

Che si tratti della testimone o dell’invitata, le spalle devono restare coperte, anche in caso di rito civile perché non si deve oscurare la sposa che è l’assoluta protagonista: la testimone e le amiche faranno una bella cornice. Per cui sì a stole, anche impreziosite con piume, microgiacchini, giacche, spolverini. La borsa è rigorosamente piccola, altrimenti meglio non portarla. Il cappello preferibilmente la mattina, come detta il galateo, ma se la mamma della sposa lo indossa, si può. Il trucco deve essere sempre sobrio, a meno che la sposa non faccia richieste diverse per un matrimonio a tema.

Capitolo comunione. La mamma della bambina o del bambino può vestire di bianco, che è il colore per eccellenza della prima comunione oppure colori pastello o microfantasie, però nei colori chiari, da evitare il nero. Vanno benissimo le tute, proposte un po’ da tutti i brand, che slanciano molto la figura, quindi adatte anche a chi non è altissima.

In caso di cerimonia per il battesimo, per il padre, se proprio non vuole l’abito, si può scegliere un jeans, ma in quel caso assolutamente accompagnato da una giacca e comunque sconsiglio i jeans a tutti gli altri, così come l’uso delle scarpe ginniche, per quanto impreziosite o divertenti. Unica eccezione, anche qui, è la sposa che detta la regole della cerimonia oppure per le amiche da sfoggiare in secondo momento durante la sera, alla festa, in maniera simpatica.