Aspettativa di vita: supera gli 80 anni per i residenti nella provincia della Asl Toscana centro

FIRENZE – E’ di oltre 80 anni l’aspettativa di vita dei residenti dell’Azienda Ausl Toscana Centro (comprendente i territori di Empoli, Firenze, Pistoia e Prato). Una aspettativa che si attesta tra le più elevate in Toscana: 81,6 anni per  gli uomini e 86,2 per le donne. Ai vertici della classifica la provincia di Firenze e Prato, con un picco di 86,5 nelle femmine della zona fiorentina sud-est. In tutta la Regione l’aspettativa per gli uomini è di 81,3 anni, mentre per le donne sale a 85,4.

Un nuovo nato oggi nel territorio dell’Ausl Toscana Centro può contare su una durata di vita tra le più alte al mondo, molto vicine ai record giapponesi. Si conferma pertanto l’ulteriore incremento dell’aspettativa di vita nei territori dell’Ausl Toscana Centro: 82,1 anni per i maschi e 86 per le femmine della provincia di Firenze, 81,9 per i maschi e 86,1 per le femmine della provincia di Prato infine 80,9 per i maschi e 85,6 per le femmine residenti nella provincia di Pistoia. L’aumento di aspettativa di vita da anni è in progressiva crescita e nella maggior parte dei casi dipende da scelte individuali che comportano stili di vita sani. Negli anni più recenti è legata anche all’aumento della sopravvivenza per le malattie croniche e degenerative più diffuse (cardiovascolari, respiratorie, tumori) grazie all’uso di efficaci terapie farmacologiche e innovative tecnologie sanitarie. I 1.628. 345 cittadini (maschi: 784.418, femmine: 843.927)  residenti nei 73 Comuni dell’Ausl Toscana Centro, di cui 380.948 (23%) nel Comune di Firenze sono in assoluto tra i più longevi.

L’Ausl Toscana Centro è la seconda azienda sanitaria in Italia per dimensione demografica dopo quella metropolitana di Milano. I residenti sono il 43,6% del totale dei toscani e più di un terzo vive nei Comuni di Firenze e Prato. L’area pratese è la zona distretto più popolosa con oltre 250 mila abitanti. Oltre metà degli assistiti vivono nel territorio dell’ex Asl 10 (51,5%) mentre gli altri sono distribuiti in modo piuttosto equilibrato tra le altre aree territoriali di Pistoia (17,9%), Prato (15,7%) ed Empoli (14,9%).