Verso l’apertura del parco urbano di Villa Carmine

CALENZANO – Sarà messo in sicurezza e poi aperto al pubblico il parco di Villa Carmine. Si tratta di un’area verde di cinque ettari nel centro di Calenzano che circonda la villa Medicea di San Donato ora conosciuta come Villa Carmine dal nome di Adolfo Carmine che la acquistò e effettuo i lavori di restauro nel 1924. Nel dopoguerra la villa passò all’Accademia delle Belle Arti fino al recente passaggio alla fondazione intitolata appunto al defunto proprietario. Il progetto esecutivo per la messa in sicurezza dell’area e la manutenzione degli alberi e del verde, è stato approvato dalla giunta comunale. Il Comune, grazie ad un accordo con la Fondazione Adolfo Carmine, potrà utilizzare lo spazio del parco e dell’area agricola per questo è stata firmata una convenzione dall’amministrazione comunale per l’apertura del parco urbano e della zona agricola con le associazioni Coala e Natura è. L’intervento si risistemazione prevede la potatura o gli abbattimenti per gli alberi a rischio crollo, e la potatura straordinaria della siepi e degli arbusti  oltre la pulizia dagli infestanti. Per l’intervento di risistemazione del parco il Comune ha ricevuto un finanziamento di 75mila euro da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze nell’ambito del bando Spazi Attivi. Martedì scorso sono scaduti i termini della gara per la messa in sicurezza del parco e quindi per la sistemazione degli alberi, dei tagli, della sostituzioni e dei nuovi impianti. Appena individuata la ditta inizieranno i lavori.

(Foto gentilmente concesse dal Comune di Calenzano)