Caos viabilità: si torna a parlare del tunnel sotto l’Arno fra Signa e Lastra a Signa

SIGNA/LASTRA A SIGNA – Quello della viabilità resta sempre un nodo da sciogliere definitivamente fra Signa e Lastra a Signa. Un nodo che potrebbe “allentarsi” con il proseguimento della variante a via Roma, via Arte della Paglia, sul territorio signese. Allentarsi ma non sciogliersi, in attesa di quella che al momento sembra essere la soluzione più fattibile, la Bretellina da Lastra a Signa all’Indicatore e il cosiddetto “Ponte del Giglio”. Questa sera, però, con inizio alle 21, presso i locali dell’ex tiro a volo, nei pressi dello stadio del Bisenzio, a Signa, si svolgerà un incontro promosso da coloro che ritengono che, al contrario, ci sia un’altra strada da percorrere. Quella di un tunnel sotto il fiume Arno che colleghi Lastra a Signa con Signa “perché la Bretellina proposta – si legge in un volantino – provocherebbe un danno irreparabile per il parco fluviale di Lastra a Signa e per il parco dei Renai”. L’incontro di questa sera, insomma, ha come oggetto la viabilità nei due Comuni e si propone di mettere a confronto professionisti di Signa e Lastra a Signa per parlare dell’argomento. “Il tracciato viario della proposta con il tunnel – si legge ancora nel volantino che pubblicizza la serata – inizierebbe dall’uscita della Fi-Pi-Li, a Stagno, proseguirebbe verso la fornace del Carlini, dove una rotonda smisterebbe il traffico nella direzione di Ponte a Signa, Empoli e la discesa verso il sottopasso dell’Arno, sotto le due linee ferroviarie, sotto la punta dei Renai lago Borgioli, sotto il Bisenzio e risalirebbe innestandosi con via Arte della Paglia all’inizio della circonvallazione di Signa verso l’Indicatore”. Una proposta, questa, che era stata già lanciata qualche anno fa e che oggi torna alla ribalta.